7 ottimi motivi per visitare Torino (e non voler più andare via)

Che io abbia una passione sfrenata per Torino è cosa nota: è stata la città dei miei anni universitari e ogni volta che torno a visitarla la trovo sempre più bella e affascinante. Dopo alcuni anni di lontananza forzata, il 2018 mi ha regalato non uno bensì due ritorni nella ex capitale sabauda: a fine aprile mi sono regalata 36 ore tutte per me in città e a fine settembre sono tornata per un weekend con mio fratello. Qui vi racconto il nostro itinerario di due giorni alla scoperta di una Torino magica ed orientale, nel frattempo vi lascio il mio personalissimo elenco di ottimi motivi per visitare Torino. Una volta arrivati non vorrete più andare via!

7-motivi-per-visitare-torino
Uno scorcio di Piazza Castello, cuore della vita torinese.
  1. I Musei. A Torino c’è davvero solo l’imbarazzo della scelta: siamo in una delle città italiane più ricche come quantità e varietà dei musei (qui potete trovare tutte le informazioni utili sui musei di Torino). Oltre ai famosissimi Museo Egizio e Museo del Cinema, troviamo Il Museo dell’Auto in zona Lingotto, il Museo di Arte Orientale con un’incredibile collezione di reperti dal continente asiatico, il Museo Pietro Micca che vi condurrà nei cunicoli settecenteschi utilizzati durante l’assedio, i Musei di Palazzo Reale (con l’Armeria Reale, la Galleria Sabauda…), la GAM Galleria Civica di Arte Moderna e Contemporanea, il Museo Nazionale della Montagna sulle colline al di là del Po, il Museo di Antropologia Criminale Cesare Lombroso, il Museo di Scienze Naturali… Grandi e piccoli, appassionati d’arte, di storia o cultori dei musei di nicchia, tutti troveranno il loro museo ideale da non perdere. Quando studiavo all’università avevo fatto l’Abbonamento Annuale Musei Torino Piemonte che permetteva l’accesso gratuito e illimitato a tutti i musei e le mostre temporanee della regione.

    7-motivi-per-visitare-torino
    Il Museo Egizio e’ sicuramente uno dei musei piu’ famosi di Torino ed il nuovo allestimento rende la visita molto interessante.
  2. Il Cibo. A Torino si mangia divinamente e la scelta dei locali dove fermarsi per uno spuntino veloce, una fetta di torta, un piatto etnico o una cena gourmet è pressochè infinita. Ogni volta che torno a Torino mi segno il nome di almeno 4 locali assolutamente da provare la volta successiva. In questo post vi ho raccontato 6+3 posti imperdibili dove mangiare, ma vi assicuro che ovunque vi giriate troverete un posto dove vale la pena fermarsi. Che si tratti di gelato & torterie, cibo di strada o ristoranti più classici, a Torino non si scherza: per un aperitivo e una serata di movida i quartieri giusti sono San Salvario e il Quadrilatero; per un pranzo all’aperto dirigetevi in Largo Quattro Marzo e se cercate un’esperienza diversa andate dritti al social table delle OGR, Officine Grandi Riparazioni (un complesso industriale ora riconvertito in spazio mostre e ristorante condiviso).

    Itinerario insolito per viaggiatrici golose, Torino, Belicabarbis
    Infuso pantelleria e crostata con marmellata di lamponi e ganache di cioccolato fondente: amore a prima vista.
  3. I Portici e le Gallerie. Partendo dalla stazione di Porta Nuova potrete arrivare in Piazza Castello e poi giù fino al Po di fronte a Piazza Vittorio camminando quasi ininterrottamente sotto i portici. Un altro percorso – sempre porticato – ci permette di raggiungere la stazione di Torino Porta Susa passando per Via Nizza, Corso Vinzaglio, Via Pietro Micca ed infine Via Cernaia. Sono ben 18 i km di portici che permettono di passeggiare al riparo di pioggia e sole, un patrimonio incredibile fatto di caffè storici e boutique tutte da ammirare. Un altro aspetto tipico del paesaggio architettonico torinese sono le gallerie commerciali che collegano portici e vie attraverso vetrate ed arcate. Particolarmente di moda nella Belle Epoque, queste gallerie con il loro splendore d’altri tempi ci permettono di fare un viaggio indietro nel tempo: a Torino ne troviamo tre. Se state passeggiando per Via Roma, alla fine di Piazza San Carlo tenete la sinistra e attraversate Galleria San Federico, un vero e proprio gioiello impreziosito dallo storico cinema Lux con la facciata in stile anni Trenta. La Galleria Subalpina si trova tra Piazza Castello e Piazza Carlo Alberto ed ospita un bellissimo negozio di antiquariato. Galleria Umberto I si trova sul limitare del mercato di porta Palazzo e qui potete gustare il divino brunch marocchino di Hafa Stories.

    IMG_3023 (Large)
    Uno scorcio di Galleria San Federico.
  4. Fiumi & Parchi. Pur essendo una città da quasi novecentomila abitanti, Torino è immersa nella natura: da un lato trovate il Po e le colline, dall’altra la Dora Riparia e le Alpi. Ma i fiumi che attraversano la città piemontese sono 4: dobbiamo considerare anche lo Stura ed il Ringone. Le montagne fanno da cornice a un’infinità di parchi e aree verdi, 17 quelli più grandi in tutto: pensiamo solo al Parco del Valentino, a due passi dal centro, ai Giardini Reali dietro Piazza Castello, al Parco della Pellerina dove si tiene il Traffic Festival in estate, o al parco delle colline torinesi che ci porta a Superga.

    Torino, Mole, Piazza Vittorio
    Vista panoramica su Torino
  5. 3 città in 1: Torino è un po’ Parigi, un po’ Berlino, un po’ New York. Da un lato città salotto con un passato regale, dall’altro tante anime alternative che rendono il suo panorama culturale e musicale tra i più vivaci in Italia. Per non parlare della sua pianta rigorosamente ortogonale con solo due vie che la tagliano in diagonale, proprio come New York con la sua Broadway. Passeggiando tra le eleganti piazze del centro alzate gli occhi e guardate le finestre negli abbaini: sono le stesse che contraddistinguono le chambre de bonne parigine. Per non parlare delle bancarelle che vendono libri usati in via Po: come non pensare ai bouquinistes sulle rive della Senna? Gli esperimenti tra la fucina culturale ed il centro sociale spopolano come a Berlino: entrate a dare un’occhiata alla Cavallerizza Reale o ai Bagni Municipali nel cuore di San Salvario. Per rimanere in tema Berlino, anche Torino ha il suo festival delle luci chiamato Luci d’Artista: Da fine ottobre la città si illuminerà con una serie di installazioni luminose realizzate da artisti contemporanei che da anni rendono ancora più magico l’autunno e il Natale. A livello di vita notturna e festival, Torino non ha nulla da invidiare a città formalmente più blasonate: a inizio novembre si terrà il Club to Club, un festival di elettronica che richiama artisti e spettatori da tutta Europa.

    itinerario insolito per viaggiatrici solitarie a Torino
    Il fascino tutto parigino delle piazze con giardino e il carrillon.
  6. I Mercati. A ogni quartiere il suo mercato: qui potete trovare la mappa el informazioni su tutti i mercati di Torino anche se due sono sicuramente quelli più famosi oltre i confini cittadini. Parlo del mercato di Porta Palazzo, che nasce come mercato della frutta e della verdura ed ora è crocevia di culture. Questo mercato si tiene dal lunedì al sabato nella zona di Piazza della Repubblica ed è il mercato aperto più grande d’Europa. Un pullulare di colori, odori, lingue, sapori che merita di essere scoperto. Il mio consiglio è di visitare Porta Palazzo il sabato in modo da proseguire verso la Dora e vedere anche il Balon, il famoso mercatino delle pulci e dell’antiquariato che si estende nelle vie di Borgo Dora fino all’Arsenale. In zona San Salvario ho trovato molto caratteristico il mercato rionale in Piazza Madama Cristina, mentre per la mia prossima visita mi sono già ripromessa di andare a vedere il mercato Benefica nel quartiere Cit Turin dedicato alle firme della moda e all’abbigliamento in stock, oltre alle primizie in campo alimentare.

    7-motivi-per-visitare-torino
    Il Balon e’ IL mercato da non perdere a Torino: tutti i sabati e la seconda domenica di ogni mese appuntamento a Porta Palazzo.
  7. Facile da Visitare. A Torino si arriva comodamente in treno, secondo me il mezzo di trasporto più comodo per scoprire questa città, e si gira tranquillamente a piedi. È quasi impossibile perdersi visto l’impianto urbanistico a scacchiera e se proprio siete stufi di scarpinare, una fitta rete di autobus e tram (piu una linea della metropolitana) vi porteranno dappertutto. Anche la scelta di alloggi è davvero ampia e adatta a tutte le tasche: io vi consiglio di dormire in zona centrale o nel quartiere di San Salvario (soprattutto se avete in programma di fare un po’ di vita notturna). Potete inoltre prenotare online visite guidate ed ingressi ai musei per evitare le code all’ingresso, io ho utilizzato il sito Ticketlandia e ve lo consiglio.
itinerario insolito per viaggiatrici solitarie a Torino
Un giro sul tram storico circolare n.7 e’ un’esperienza da non perdere per scoprire Torino

Torino paga ancora l’eredità pesante di città operaia grigia e industriale, ma vi basterà visitarla una volta per rendervi conto che Torino è una città in costante trasformazione con moltissimo da offrire a chi la vuole scoprire. E a quel punto ve ne innamorerete perdutamente e non vorrete andare più via.

Potrebbe interessarvi anche:

Vicenza: cosa vedere in un giorno

New York la citta caleidoscopio da scoprire a piedi

 

Annunci

16 Comments

  1. Ho visitato Torino in settembre in occasione di un blog tour ed è proprio come dici tu: non volevo più andarmene! Anzi, vorrei tornare al più presto per visitare tutte quei posti che non erano inclusi nel tour, mangiare ancora un pò di agnolotti e altre bontà, farmi un giro nel parco del Valentino e girarmi la città in generale!

    Mi piace

  2. Torino, per me, è l’unica città in Italia in cui andrei a vivere. Io non amo le città grandi, sono più una persona da paesino piccolo ma, se penso a Torino, non c’è proprio gara.

    Piace a 1 persona

  3. Bellissima Torino con tutti i suoi musei (che non ho ancora finito di visitare tutti), per me quello egizio è uno dei più belli in assoluto, ci tornerei altre 1000 volte!
    Complimenti per il tuo post, mi è piaciuto molto… soprattutto nell’accostamento di questa città a Parigi, Berlino e New York.
    Un saluto dai Lemurinviaggio

    Piace a 1 persona

  4. Che bello, ho letto con piacere questo post perchè io amo Torino. Ci sono stata tante volte per lavoro e ogni volta mi ritagliavo un po’ di tempo per scovare nuovi angoli e per mangiarmi il cioccolato! Per me Torino non ha uguali. Milano non mi piace affatto, ma a Torino ci vivrei tranquillamente

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...