Visitare l’Oasi di Sant’Alessio con i bambini

oasi-santalessio-con-bambini

Era già da un po’ che volevo portare il giovane esploratore a visitare l’Oasi di Sant’Alessio, e finalmente un sabato mattina di metà ottobre è capitata l’occasione giusta. Vi racconto la nostra esperienza in questo parco naturalistico e vi lascio i nostri consigli per organizzare al meglio la vostra visita con i bambini.

Come arrivare all’Oasi di Sant’Alessio

L’Oasi di Sant’Alessio si trova nel paese di Sant’Alessio con Vialone, a pochi km da Pavia.

Qui si arriva solo in macchina; ci sono diversi parcheggi gratuiti vicini all’ingresso del parco. Da Piacenza servono circa 50 minuti, passando da Broni – Stradella.

oasi-santalessio-con-bambini
L’ingresso del castello medievale di Sant’Alessio

Quando andare all’Oasi di Sant’Alessio

Il Parco è aperto da febbraio a novembre, nei mesi invernali solo il sabato e la domenica. Qui potete verificare date ed orari precisi di apertura. Noi abbiamo visitato il parco a metà ottobre e purtroppo abbiamo trovato una giornata di nebbia, abbastanza comune in questa zona. Vale sicuramente la pena tornare con il sole, magari a maggio o settembre: i percorsi sono principalmente all’ombra degli alberi, quindi la visita deve essere piacevole anche quando fa caldo.

Il parco apre alle 10, e noi eravamo fuori dal cancello come ai concerti. Insieme a noi solo qualche appassionato fotografo naturalistico. Controllate gli orari delle esibizioni di volo dei rapaci, è sicuramente un bello spettacolo per i bambini; noi ce lo siamo persi visto che era alle 15 e dopo due ore e mezza da Indiana Jones avevamo esaurito tutte le energie.

oasi-santalessio-con-bambini
Un altro scatto stupendo dell’Oasi di Sant’Alessio pubblicato su Unplash da Gaetano Cessati.

I biglietti d’ingresso

È possibile acquistare i biglietti online (cliccando qui) ed avrete un piccolo sconto di 1 euro a biglietto, o direttamente sul posto. Se avete la tessera Viviparchi, dovete fare il biglietto direttamente sul posto ed avrete diritto all’ingresso gratuito di un bambino ogni adulto pagante tariffa intera. Nel biglietto è inclusa una quota associativa annuale, se tornate nel corso dello stesso anno solare pagherete quindi un biglietto ridotto. Noi abbiamo fatto il biglietto sul posto avendo la tessera Viviparchi e mi sembra una soluzione molto pratica.

oasi-santalessio-con-bambini
Pappagalli e rapaci fanno un’esibizione giornaliera.

Cosa portare all’Oasi di Sant’Alessio

All’interno del parco, vicino all’ingresso ci sono sia un bar sia un’area picnic. In paese trovate un piccolo negozio dove comprare pane, salume e bibite; noi abbiamo preso una bottiglietta d’acqua prima di entrare e avevamo dietro due kit merenda, salvifici per i momenti di calo energie in giro per il parco.

Indossate scarpe comode, meglio se impermeabili se andate in autunno/primavera, perchè i sentieri sono di ghiaia e sterrato ed è facile trovarsi con i piedi umidi.

Il parco è percorribile anche in passeggino, ma un marsupio o zaino portabimbo secondo me sono decisamente più pratici.

D’estate non dimenticate un repellente antizanzare, magari non serve, ma meglio averlo dietro.

oasi-santalessio-con-bambini
Non solo uccelli, ma anche pesci all’Oasi di Sant’Alessio. Questa vasca con i pesci giganti e’ stata una delle attrazioni preferite dal mio bambino.

Visitare l’Oasi di Sant’Alessio con i bambini

L’Oasi di Sant’Alessio è un giardino naturalistico che ospita diversi animali degli ambienti umidi principalmente della Pianura Padana, ma anche della foresta pluviale.

Il parco è organizzato in due percorsi:

  • Le zone umide europee (fiume, palude e bosco) di colore blu;
  • La foresta pluviale amazzonica di colore giallo.

Si accede al parco passando attraverso il Castello di Sant’Alessio, di origini medievali, e con la nebbia sembrava di entrare in un mondo incantato. Non aspettatevi uno zoo o il classico parco con gli animali: qui vi troverete a giocare al piccolo esploratore insieme ai vostri bambini, perchè gli animali si muovono liberi in ampi spazi dedicati a loro, mentre le persone hanno la possibilità di osservarli da dei punti di avvistamento dedicati e spesso un po’ nascosti per non dare troppo nell’occhio.

oasi-santalessio-con-bambini
Uno scatto di Gaetano Cessati su Unsplash che immortala un caimano dell’Oasi.

Tunnel subacquei, percorso “in galleria” con finestre che si aprono sui vari ambienti dove cercare di avvistare pesci e uccelli, boschi di bambù… La visita a questo parco è stata per noi una grande avventura: il mio bambino ha 4 anni e ha camminato praticamente sempre da solo, è stato davvero bravo perchè in due ore e mezza abbiamo fatto entrambi i percorsi praticamente senza fermarci quasi mai. Devo ammettere che il percorso giallo sulla foresta pluviale l’abbiamo fatto un po’ più alla veloce e non siamo riusciti a vedere tutti gli animali descritti nell’utilissima mappa del parco, ma siamo più che soddisfatti della nostra visita.

Siamo riusciti a vedere tante specie di pesci, tra cui lucci e storione gigante, i fenicotteri rosa, le cicogne, le gru e gli aironi, il tucano, i pappagalli ed altri uccelli tropicali (di cui onestamente ignoro il nome), le aquile, i cavalli, le galline (sì ci sono anche loro), un capriolo che brucava placido vicinissimo a noi e le lontre che nuotavano agili.

Questo parco ci è piaciuto moltissimo proprio per la sua dimensione avventurosa: si cammina immersi nella natura e gli animali vivono nel loro ambiente naturale, un po’ come ci era capitato nel parco faunistico di Spormaggiore, vicino a Molveno.

oasi-santalessio-con-bambini
Questo capriolo era a due passi da noi

Vicino all’area picnic c’è anche un piccolo parco giochi, ma il parco con i suoi animali saranno un’attrazione molto più irresistibile per i bambini.

L’Oasi di Sant’Alessio è un parco unico nel suo genere e sono sicura che venirlo a visitare con i bambini sarà un bel modo per trascorrere una giornata insieme all’aria aperta.

Se la nostra esperienza all’Oasi di Sant’Alessio vi è piaciute, seguiteci sulla pagina Facebook Ingirovagandomum: raccontiamo le nostre gite, i viaggi e le piccole avventure della vita di tutti i giorni.

Potrebbe interessarvi anche:

oasi-santalessio-con-bambini
Il tucano, uno tra gli uccelli tropicali che potrete ammirare nel percorso giallo dedicato alla foresta pluviale.
Annunci

4 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...