5 giorni in Giappone con i bambini

#12mesiper12blogger, Tokyo

Oggi partiamo alla scoperta del Giappone con Emilia Cestino di Le Svaligiate, che ci racconta per la rubrica #12mesiper12blogger il suo viaggio lampo di 5 giorni con bambina al seguito nella terra del Sol Levante.

Care Mamme (Svaligiate e non),

la nostra scoperta del Giappone è stata rapida ed alacre, per non dire fulminea, ahimè…

Credo che solo noi e i Rolling Stones durante il tour mondiale, siamo arrivati appositamente nel Paese del Sol Levante per rimanerci solo 5 giorni e tornare a casa, ma tant’è: questo è quello che accade quando si lasciano i mariti davanti ad un’imperdibile offerta sui voli e si esce precipitosamente di casa dicendogli, dopo mesi di controlli e valutazioni di millanta compagnie aeree sulla tratta Italia – Giappone, “Amore prenota tu i voli che io porto la bimba al compleanno della sua migliore amica”, ma questa è una storia triste che mi riservo eventualmente di raccontare a un avvocato divorzista se le cose dovessero andare male.

Torniamo a noi e al Giappone: siamo stati con la nostra 8enne a Tokyo, e nonostante la nostra totale ignoranza riguardo le sue millenarie tradizioni, siamo tornati a casa con un bel magone: conquistati in 5 giorni!

Un record!

#12mesiper12blogger, Tokyo
Fare il giro del laghetto di Inokashira sulle barche cigno e’ una tappa obbligatoria per chi visita Tokyo.

Ed ora passiamo a qualche domanda per capire meglio cosa aspettarsi e come organizzare un viaggio in Giappone con i bambini. No Alpitour ahihaiai?  È possibile organizzare un viaggio fai da te?

Belin! Super fattibile! Io da brava mamma mezza ligure viaggio sempre con non uno, ma quattro occhi, volti al risparmio e, ovviamente, organizzando in autonomia si risparmia tantissimo!

Il primo consiglio che do è di prenotare per tempo voli e hotel (o appartamenti), visto che il turismo è in fortissima crescita e le strutture ricettive non sono così tante.

Poi scrivete all’ Ufficio Nazionale del Turismo e vi arriverà a casa un plico pien di materiale informativo. Parlo di materiale CARTACEO. Non ditemi niente ma io me so mezza commossa…

#12mesiper12blogger, Tokyo
Ciliegi in fiore per rendere ancora piu’ magica la vista di questo tempio.

La lingua giapponese e gli ideogrammi sono un grosso ostacolo o con l’inglese si riesce a cavarsela egregiamente?

Né io, né famiglia al seguito andiamo oltre i classici “arigato, domo arigato, sayonara, kawaii, moshimoshi e l’evergreen, doraemon”, e i giapponesi del resto non parlano quasi una cippa di inglese, nonostante ciò si sopravvive, giuro.

La sola cosa che mi sento di raccomandarvi è: non ridete come bestie la prima volta che un giapponese vi farà segno di “NO”, visto che per loro non funziona con l’indice oscillante come per noi, ma fanno come una Simona Ventura qualsiasi ai provini di X Factor. Sapevatelo!

#12mesiper12blogger, Tokyo
Un viaggio in Giappone e’ un’immersione in un’altra cultura.

La cultura giapponese e’ molti diversa dalla nostra europea e occidentale: che cosa ti ha colpito particolarmente e che cosa e’ invece rimasto impresso alla vostra bambina?

Le cose che mi ha più colpito del Giappone sono la pulizia (inimmaginabile, credetemi), l’assoluta cortesia di CHIUNQUE incontrerete sulla vostra via e il senso di serenità nei confronti del vostro portafoglio/cellulare/orologio figo e la possibilità ve li ciulino con uno scippo per strada.

Mia figlia pareva una principessa Disney dopo il ballo col principe di turno: camminava a tre metri da terra, anche quando vedeva la gente che russava in metropolitana, dato che visitare il Giappone era il suo sogno più grande.

#12mesiper12blogger, Tokyo, kimono
Sembra uscita da un manga, questa foto mentre la piccola Svaligiata prova un kimono.

Il sushi e’ ormai una moda in Italia, ma com’e’ mangiare sushi in Giappone? E oltre al sushi che cosa si mangia?

Mangiare in Giappone è divertente, economico e rumoroso! Nel senso che mentre sarete seduti in un qualsiasi locale a mangiare sentirete risucchi come neanche quando andate a trovare zia Natalina all’ospizio: per i simpatici amici giapponesi fare un casino del 48 aspirando l’udon dalla zuppa tradizionale è segno di apprezzamento.

Il sushi che potrete mangiare lì, ad esempio per me resta indimenticabile quello al mercato di Tsukji, è qualcosa che vi impedirà forse per sempre di ordinare sushi una volta rientrate in Italia.

#12mesiper12blogger, tokyo, sushi
Anche se non impazzite per il sushi, in Giappone bisogna provarlo.

Ci sveli i trucchi da mamma svaligiata per sopravvivere al jet lag di un bambino?

Il jet lag verso est per noi non è mai stato un problema: ci limitiamo, sia appena arrivati in Giappone che una volta tornati in Italia, a non andare a dormire finche non è sera nell’angolo di mondo in cui ci troviamo.

Poi sai, nel mio caso ad esempio, sono talmente stordita dalla nascita che il jet-lag non può peggiorare granchè la situazione….

Come avrete capito le avventure di Emilia e della sua famiglia svaligiata in giro per l’Italia e per il mondo sono un vero spasso: per non perdervele, seguitela su Facebook (Le Svaligiate) e soprattutto sul blog, qui trovate il suo post completo dedicato al loro viaggio a Tokyo.

#12mesiper12blogger, kyoto
Il Fushimi Inari Taisha è il principale santuario dedicato al kami Inari, situato a Fushimi-ku, a Kyōto in Giappone.

#12mesiper12blogger è la rubrica mensile che ci accompagna in un giro del mondo virtuale alla scoperta di un Paese fuori dall’Europa attraverso le foto e le parole di un blogger. Nei mesi precedenti grazie a #12mesiper12blogger abbiamo esplorato:

la Nuova Zelanda,

la Siberia

l’Australia

la Giordania

Le Hawaii

Il Canada

Il Sudafrica

Se questo articolo ti è piaciuto, segui Ingirovagandomum su Facebook per non perdere i prossimi appuntamenti in giro per il mondo!

Annunci

8 Comments

  1. Aspetta aspetta .. se scrivo una mail agli uffici nazionali del turismo loro , su richiesta , mi mandano materiale cartaceo inerente al paese che vorrei visitare ??? Nuoooo non pensavo ! Vedi dalle cose più semplici si può ottenere e scoprire tanto ! Grazie ❤️❤️❤️

    Mi piace

  2. Che simpatica questo racconto di Giappone (e che voglia di farsi millemila ore di viaggio distruttivo) per 5 giorni 😀 sono sicura che se rimasti conquistati avranno però modo di tornare e scoprire non solo di più Tokyo ma magari anche altre bellissime parti del Giappone

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...