Valle di Ledro con i bambini: la nostra vacanza passo per passo

Valle di Ledro con bambini

Da alcuni mesi avevo deciso di trascorrere una vacanza da sola con mio figlio a fine luglio: vista l’esperienza non proprio idilliaca del weekend lungo a Roma ad aprile, stavolta avevo optato per una vacanza a misura di bimbo. Abbandonati i sogni hippie di una settimana a Berlino, e visto il successo della nostra vacanza a Molveno (qui trovate il mio post sulla nostra esperienza e tanti consigli utili), ho deciso di bissare rimanendo in Trentino vicino a un lago.

Perché andare in vacanza in Valle di Ledro

La scelta è caduta sulla Valle di Ledro per una serie di validissimi motivi (a mio parere):

– la Valle di Ledro si trova a soli 15 km da Riva del Garda, la meta quindi è facilmente raggiungibile in auto in meno di tre ore da casa nostra (esodi dei nord europei di ritorno dalle vacanze sul’Adriatico permettendo);

Valle di Ledro con bambini
La spiaggia di Pieve di Ledro: tante attivita’ per i piu’ sportivi.

– questa valle non è ancora molto nota e quindi i prezzi anche a fine luglio sono decisamente più abbordabili di altre mete, ad esempio rispetto al vicino lago di Garda; io ho prenotato ad inizio luglio e si riusciva ancora a trovare un alloggio senza eccessivi problemi;

– oltre ad essere una meta abbastanza low cost, è poco affollata durante la settimana, quindi vi potrete godere il lago o le passeggiate senza quella sensazione da spiaggia adriatica di asciugamani stipati uno vicino all’altro, o sentieri stile autostrada in fila indiana;

– oltre al lago, ci sono alcune facili passeggiate da fare con i bambini; tutto è nel raggio di pochi chilometri quindi gli spostamenti in macchina sono minimi.

Dove dormire in Valle di Ledro

Una volta decisa la meta ho studiato le varie soluzioni per il nostro soggiorno e ho optato per un family hotel (qui a breve vi raccontero la nostra esperienza nel dettaglio). Vi dico solo che il Kinderhotel Adriana si trova a Locca, a circa 2,5 km dal lago di Ledro e tra i motivi per cui l’ho scelto ci sono le tre piscine esterne riscaldate, il parco giochi sulla collina e la stanza per i giochi al coperto.

Valle di Ledro con bambini, Kinderhotel Adriana
Un parcogiochi a completa disposizione degli ospiti del family hotel Adriana.

In alternativa, per chi ama le vacanze in mezzo alla natura, sia a Pieve sia a Molina ci sono degli splendidi campeggi sulla riva del lago. Diversi gli appartamenti in affitto (affitto minimo settimanale in stagione), un po’ meno ampia la scelta di hotel. Il consiglio sicuramente è di non limitarsi a guardare i siti di prenotazione, ma controllare il sito dell’ente locale del turismo o cercare semplicemente con google. In Trentino vale davvero la pena contattare direttamente le strutture per ottenere un preventivo personalizzato.

La nostra vacanza – Cosa fare con i bambini in Valle di Ledro

Dopo la partenza intelligente nel primo pomeriggio di sabato con conseguenti code da Peschiera a Riva del Garda per il rientro dei nordici dalle loro ferie, siamo arrivati nel nostro hotel a metà pomeriggio sotto il diluvio universale. Check in veloce e poi dritti a giocare nelle salette dedicate ai bambini prima e dopo cena.

Valle di Ledro con bambini
Il lago di Ledro dalla spiaggia di Molina.

Per fortuna la domenica è stata baciata dal sole, dopo una rapida colazione abbiamo preso la macchina e ci siamo diretti a Pieve di Ledro per scoprire il lago. Sulla strada principale tenendo la destra prima della salita lungo il lago troverete un parcheggio a disco orario (3 ore); con una piacevole passeggiata di circa 10-15 minuti si arriva alla spiaggia principale di Pieve. L’acqua è cristallina e abbastanza calda per essere un lago di montagna e molta gente già a metà mattina si tuffa per fare il bagno. Oltre al parco giochi con sabbiera, si possono noleggiare bici, canoe e pedalò per chi cerca una giornata all’insegna dello sport.

A pranzo siamo tornati nei pressi dell’albergo e dopo il riposo del guerriero ci siamo dedicati a piscina e parco giochi.

Valle di Ledro con bambini, Palafitte
Che vista splendida dalle palafitte sul Lago di Ledro.

Lunedi abbiamo deciso di esplorare la parte sud del lago, ci siamo quindi diretti a Molina: qui i parcheggi sono quasi esclusivamente a pagamento (1 euro l’ora). Il lungolago offre come sempre un bel parco giochi, tanta ombra e tavoli e panchine per un picnic (alcuni già occupati di buon’ora dai professionisti della vita da lago con sdraio, borse termiche per un reggimento, gonfiabili di varie forme e ogni tipo di gioco da spiaggia). Abbiamo visitato il Museo delle Palafitte, che mi ha ricordato in tutto e per tutto la valorizzazione dei beni culturali dei Paesi nordici: costruire un museo-attrazione-monumento attorno a ogni più piccolo dettaglio che il territorio offre. Il mio consiglio è di partecipare alle tante attività estive proposte, la sola visita alle palafitte si fa in 15 minuti visto che si possono guardare solo dall’esterno.

Valle di Ledro con bambini, Ampola
Il sentiero di passerelle che attraversa l’area protetta del Lago d’Ampola. Io ho scoperto in questi giorni cos’e’ un biotopo…

Martedi mattina abbiamo fatto tappa al parco giochi all’ingresso di Pieve (il parcheggio gratuito dista 15 minuti a piedi dal lago), è facile da trovare perché sulla strada principale vedrete il distributore di benzina IP e di fianco un percorso per mountain bike per bambini e una parete di arrampicata. Ci siamo poi diretti al Lago d’Ampola, un’area naturale protetta (meglio nota come biotopo perchè presenta specie vegetali ed animali uniche di questa zona) dove abbiamo fatto una piacevole passeggiata sulle passerelle in legno e poi nel bosco.

Valle di Ledro con bambini, Ampola
Una vista del Lago d’Ampola: ve lo immaginate pieno di ninfee in fiore???

La particolarità di questo lago è che si presenta allo stato selvaggio e naturale, sembrando in certi punti più uno stagno o una palude che il classico lago a cui siamo abituati noi, con la vegetazione che si prende i suoi spazi. Vedere il lago nel periodo della fioritura delle ninfee deve essere sicuramente una vista spettacolare; il Centro Visitatori è aperto solo da maggio a settembre e fornisce maggiori informazioni su questo ambiente così particolare. La passeggiata con visita al Centro Vistatori è molto facile e dura in tutto circa un’ora, accorciabile se ci si limita al solo percorso natura. Questo ambiente affascinerà molto i bambini, ma occhio al caldo nelle ore centrali della giornata.

Valle di Ledro con bambini, cascata
Il sentiero che porta alla cascata Gorg d’abiss

Al pomeriggio abbiamo percorso il km scarso che ci separa dal paese di Bezzecca per dare un’occhiata alle trincee e ai camminamenti della terza guerra d’indipendenza e prima guerra mondiale. Visto che le gallerie sono sostanzialmente buie e noi non siamo dei cuor di leone, le abbiamo guardate da fuori e abbiamo preferito il parco giochi sul lato opposto della strada alla salita fino in cima alla collina per vedere l’ossario militare e la relativa chiesa. Il sentiero sale nel bosco e c’è anche una versione scala a chiocciola che dovrebbe essere carina da percorrere (qui trovate maggiori informazioni su questo itinerario). Per gli appassionati di storia a Bezzecca c’ è anche un piccolo museo dedicato a Garibaldi.

Mercoledì ci siamo diretti subito dopo colazione alla cascata Gorg d’Abiss, un’attrazione imperdibile in Valle di Ledro. Il parcheggio nel paese di Tiarno di Sotto in fondo alla strada è molto piccolo, quindi se non riuscite ad arrivare presto conviene parcheggiare nella piazza principale e fare un po’ più di strada a piedi. Il sentiero si snoda nel bosco, è quasi del tutto pianeggiante e passa vicino ad un ruscello: la passeggiata è facile e adatta a tutti, anche a bambini di tre anni. La durata dipende da quante tappe farete lungo il sentiero per lanciare sassi o raccogliere foglie, ma in media in 30-40 minuti si è tornati alla macchina. Questo sentiero non si può interamente percorrere con passeggino, decisamente meglio usare uno zaino porta bimbo. Passeggiata carina e piacevole prima del consueto giro al lago.

Valle di Ledro con bambini, cascata
Ecco la cascata del Gorg d’Abiss, meta di una piacevole passeggiata nel bosco.

Nel pomeriggio dopo la consueta piscina ci siamo diretti all’azienda Bosc del Meneghì dove è possibile fare una merenda con succhi e torte bio, passeggiare nel giardino delle erbe officinali e guardare asinelli, galline e altri animali di questa piccola fattoria didattica. A pochi minuti si trova il sentiero Ledro Land Art, un percorso nel bosco dove si possono vedere circa 20 installazioni artistiche. Noi abbiamo preferito dirigerci alla spiaggia di Pur per giocare ancora vista lago (qui è presente anche una spiaggia per i cani).

Dove mangiare in Valle di Ledro

Io avevo optato per la formula mezza pensione (che consiglio caldamente) in modo da poter decidere liberamente dove mangiare a pranzo. Abbiamo provato due trattorie a Locca, il ristorante Alba e il Prealpi, e la pizzeria Hotel Sport a Pieve. Tutti i locali sono abituati ai piccoli ospiti ed il servizio è sempre stato veloce e cortese; mangiando un secondo con contorno (porzione abbondante adatta a me e il mio piccolo esploratore) e il dolce non abbiamo mai speso 20 euro.

Valle di Ledro con bambini, Locca
Uno scorcio del paese di Locca, dove il tempo si e’ fermato.

La Valle di Ledro con il suo lago dalle acque cristalline, le piccole escursioni a misura di bambino e la natura rigogliosa si è dimostrata una meta perfetta per una vacanza fuori dai soliti itinerari.

Se le nostre avventure tra il lago e le montagne vi sono piaciute, seguiteci sulla pagina Facebook Ingirovagandomum: siamo di nuovo in partenza per una nuova avventura.

 

Annunci

16 Comments

    1. Mio figlio a volte fa per due, ma una volta abituati e preso un ritmo che andasse bene ad entrambi sai che sono stata molto bene. Gia’ pronta per ripartire da sola con lui 🙂 Pero’ con due sarebbe diverso, ovvio.

      Mi piace

    1. A fine luglio – agosto trovare mete poche affollate e’ davvero una cosa di cui far tesoro. A volte basta spostarsi di poco dalle zone piu’ turistiche per scoprire delle mete davvero carine come la Valle di Ledro

      Mi piace

  1. Che bello questo racconto e che bella idea passare una vacanza in mezzo alla natura. Sto apprezzando sempre più queste tipologie di vacanze e noto che anche i miei bimbi l’apprezzano molto. Prossimo giro: la Valle di Ledro. Andata!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...