Cartoline da Vieste

Cartoline da Vieste

Partiamo da un presupposto: la vacanza che abbiamo fatto in Gargano nel settembre del 2012 é stata una delle peggiori della mia vita. Ció non toglie che le foto di Vieste, nella pressoché unica giornata di sole che abbiamo trovato, siano assolutamente da cartolina.

Ecco la nostra esperienza a Vieste e cosa occorre sapere per studiare un itinerario nel Gargano che non vi lasci delusi. 

Cartoline da Vieste
Il Faro di Vieste

So che mi attireró le ire di tutti gli amanti della Puglia, ma a me il Gargano non ha affatto entusiasmato, anzi mi ha parecchio deluso. Sicuramente trovare brutto tempo ad inizio settembre é una raritá e non ha aiutato, ma a deludermi é stato soprattutto la gestione delle strutture turistiche e la quasi totale assenza di un’alternativa alla vita da spiaggia.

Cartoline da Vieste
Il contrasto tra il blu del mare ed il bianco della pietra: colori da cartolina,

Ma facciamo un passo indietro e partiamo dall’inizio: la decisione di trascorrere quella settimana nel Gargano era strettamente correlata ad un invito ad un matrimonio. Una coppia di amici pugliesi si sposavano a Mattinata, cittadina carina e sonnacchiosa abbarbicata sulla costa della montagna. Vale una tappa di un giorno per passeggiare tra le vie del paese, trascorrere qualche ora in spiaggia e poi ripartire direzione Vieste.

Noi avevamo prenotato quattro notti in un appartamento deluxe (cosi recitava Booking) e ci siamo trovati in un bungalow con l’aria condizionata mal funzionante, resti di zanzare crivellate sui muri, spazi microscopici che ti obbligavano a mangiare in veranda e quelle docce anni ’70 in cui non esiste una separazione vera e propria dal bagno a parte una tenda sottile come un’ostia. Nulla da ridire se si fossero fatti pagare per quello che offrivano davvero e non per quello che pubblicizzavano.

Cartoline da Vieste
I trabucchi sono delle antiche macchine da pesca tipiche della costa molisana e garganica,

Visto che di turisti neanche l’ombra, tutti gli stabilimenti erano giá chiusi, tanto pioveva praticamente tutti i giorni. Oltre al centro di Vieste, che si visita in mezza giornata, le altre attrazioni nelle vicinanze sono Peschici (cittadina caratteristica, ma niente di straordinario) e la Foresta Umbra. Noi l’abbiamo attraversata in macchina, senza trovare indicazioni di sorta per poter percorrere un sentiero e fermarsi in un bar/ ristorante. Ricordo solo alcune aree pic nic lungo la strada prese d’assalto dalle famiglie del luogo.

Se invece il sole vi sorride, vi consiglio l’escursione in barca lungo la costa garganica: Vieste vista dal mare é davvero affascinante, con le sue case bianche incastonate nella roccia.

Cartoline da Vieste
Vale la pena fare un’escursione in barca per ammirare la costa del Gargano e Vieste dal mare.

Nelle foto trovate il bianco del Sud Italia, il fascino un po’ decadente dei paesi senza passanti, il contrasto con il blu del mare e le viste mozzafiato del faro o delle grotte. Scorci da cartolina che suggeriscono l’odore della salsedine, il ritmo lento ma rilassato di una vacanza, un tempo cristallizzato attorno alle tradizioni.

E rifletto su quanto una immagine possa reinventare un luogo o raccontare una storia, ma senza il contorno – la cornice – rischiamo di travisare la realtá.

Cartoline da Vieste
I colori e la luce del Sud Italia

Detto questo, se amate il mare e conoscete i ritmi del sud, una vacanza itinerante nel Gargano di 4-5 giorni puó piacere. Mi sento solo di consigliarvi di valutare attentamente la struttura che sceglierete, avendo l’accortezza di prenotare chi ha giá un alto numero di recensioni che rispecchiano le vostre esigenze.

Cartoline é un modo di raccontare un viaggio lasciando parlare le immagini, percorrendo itinerari insoliti ed aggiungendo qualche consiglio pratico.

Ho scritto anche Cartoline da Milano e Cartoline da Venezia.

Annunci

31 Comments

  1. Vieste mi sembra carinissima! Noi scendiamo praticamente tutti gli anni in Salento, abbiamo la fortuna di avere la casa dei nonni lì, ma se dovessi prenotare penso cambierei meta, i prezzi sono improponibili… poi penso che la sfortuna di esserti trovata male con il bungalow abbia un po’ inciso anche sulle sensazioni che ti hanno lasciato i luoghi, no? Per me è spesso così

    Mi piace

  2. Adoro l’idea delle cartoline! Detto questo, il Gargano è splendido e, anzi, sottovalutato rispetto al resto della Puglia. Come dice Pananna, avrà sicuramente inciso la struttura e il brutto tempo non ha aiutato. Io gli darei una seconda occasione 😉😘

    Mi piace

  3. Io sono andata nel Salento e mi è piaciuto tantissimo, se avessi trovato brutto tempo forse ne avrei un brutto ricordo. Hai ragione dalle foto molti posti sembrano bellissimi e per questo è utile poi leggere l’esperienza di chi c’è stato e la mancanza di alternative alla spiaggia depone a loro sfavore.

    Mi piace

  4. Aiuto, questo posto è un sogno.
    Le foto mi hanno scaldato il cuore (e la pelle visto che ho letto l’articolo con un vento indicibile che intemperia su Milano!).
    Detto questo credo tu sia la prima persona che si distacca dalla massa e ha un parere critico nei confronti della Puglia hahaha
    La pecca del maltempo comunque penso la conosca qualsiasi viaggiatore! Bisogna accettarlo e dare una seconda opportunità! 😀

    Mi piace

  5. conosco Vieste abbastanza bene, ci sono andata per moltissimi anni con i miei genitori. È vero che a settembre questa meta torna ad essere giorno dopo giorno un paese tipico del sud in inverno, quindi con poca gente e poco movimento. Ti ammetto che ad agosto e a luglio non ti muovi nemmeno! Il brutto tempo sicuramente poi non ha aiutato. Bellissima a inizio estate quando i colori e gli odori della terra pugliese si vedono e si sentono nell’aria. A me è piaciuta anche la foresta umbra per una semplice passeggiata al fresco quando la calura ti assale. Stupende poi le isole Tremiti raggiungibili in traghetto. Io ho ricordi bellissimi di Vieste. Magari non avrà la stessa carica turistica di altre cittadine pugliesi, che trovi nel Salento per esempio. Ma apprezzo questo suo essere così discreta e semplice. Insomma ha il suo perché !

    Mi piace

  6. anche io sono rimasta delusa dal Gargano. Ero in vacanza a 21 anni, con altre 7 amiche e nulla da fare se non divorare libri. Il mare, quanto a fauna marina, non mi ha particolarmente entusiasmato, ma credo fosse perché non ho potuto lasciare la spiaggia del mio campeggio. Non c’era modo di raggiungere o lasciare il campeggio se venivi in treno, a parte il furgone dei proprietari (che ci ha prelevate ad una stazione fantasma e riportate li sette giorni dopo). Con questo non voglio giudicare il posto, come dici tu, ma la mia esperienza è stata questa. Mi sono divertita solo perché c’erano le mie amiche!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...